Una piattaforma in continua evoluzione…

Dispositivo Terminale “ANCLER – ATMIX”

Il particolato (PM), noto anche come particelle di inquinamento e marcatore dello stesso, è una miscela complessa di particelle estremamente piccole e goccioline liquide sospese nell’aria. Le tecniche di misurazione gravimetriche, comunemente utilizzate, non consentono una lettura continua dei dati. Sono state perciò messe a punto tecniche ottiche basate sull’uso del laser in grado di “contare” il numero di particelle presenti per unità di superficie di caduta, che consentono, appunto, la lettura continua.

La modalità di misurazione del PM del terminale ANCLER® si basa sul fenomeno fisico della “dispersione”, in base al quale l’aria diffonde un fascio di luce a seconda delle particelle in essa contenute. Modulando opportunamente questo fascio di luce, un apposito sensore è in grado di determinare in tempo reale la quantità e la dimensione delle particelle contenute nell’aria.

SISTEMA “ANCLER ”

A corredo del terminale è stato predisposto un’applicazione cloud server per la raccolta continua dei dati provenienti dai dispositivi terminali geo-localizzati.

E’ stata sviluppata una applicazione internet fruibile attraverso un sito web, che permette la visualizzazione ed il monitoraggio in tempo reale dei dati rilevati, visibili all’indirizzo internet http://ancler.com. Tale applicazione è stata affiancata da una applicazione per dispositivi mobili.

I dati sono localizzati geograficamente e possono essere visualizzati e consultati in tempo reale e in modalità storica, analizzati in modalità grafica e testuale, con diversi intervalli di tempo (minuti/ora/giorno) attraverso il pc e l’app per dispositivi mobili.

App mobile: https://play.google.com/store/apps/details?id=it.flx.ancler

ancler funzionamento
Ancler dispositivo rilevazione particolato

Come mostrato nel dettaglio dal diagramma, il sensore utilizza il principio della dispersione laser: irradiando la sospensione di particelle in aria, esso raccoglie la luce dispersa con una certa angolazione ed ottiene la curva di dispersione della luce che varia nel tempo. Le particelle di diametro equivalente e numero di particelle con differente diametro per unità di volume possono essere calcolate in tempo reale da un microprocessore basato sulla teoria MIE, soluzione matematicamente rigorosa del problema dello scattering di un’onda elettromagnetica applicato, dal sensore specifico, su di una sfera.

Rispetto ad altri sistemi di misurazione, esso permette l’analisi in tempo reale del particolato in quanto il risultato viene elaborato da un rigoroso algoritmo matematico: il tempo di elaborazione per la misurazione di un campione infatti è di circa un secondo.

Il Terminale è in continua fase di sviluppo, esso attualmente permette di effettuare campionamenti delle polveri sottili nei seguenti formati: 1um, 2,5um, 10um con un errore del +/- 10% tra 0 e 500ug/m3, e di misurare la CO2

All’interno del terminale sono presenti anche un sensore di umidità ed uno di temperatura che forniscono dati integrativi, utili nell’analisi del fenomeno della presenza di inquinanti atmosferici.

Scarica l’applicazione mobile

Controlla la qualità dell’aria che stai respirando ovunque ti trovi con l’app mobile

Scarica